Kerenskij è fuori controllo

Torna indietro…

0480

Hu cerca di calmare il professore, ma non si riesce nemmeno a capire di cosa stia parlando. Hu:- “Perchè vi siete iniettato gli Zymachi?”
Kerenskij:- “C’era qualcosa dentro la provetta, qualcosa che stava cercando di danneggiarli. Nel mio corpo staranno al sicuro, interagiranno con il mio sistema immunitario, quello per cui sono stati progettati…”
H:- “Ma non erano ancora pronti, avete abortito la sequenza di ripristino…”
K:- “Beh, cerca di completarla, sei tu l’esperta!..”
H (come capendo solo allora):- “COSA c’era nella provetta?”
K:- “Non lo so… Forse qualcosa che ha a che fare on Netsis, con il mio malessere, con il fatto che non possiamo comunicare con il resto del MONDO!.. Ti prego… riprendi la sequenza… sono così stanco…”
E si sdraia su una brandina, sopraffatto dagli avvenimenti.

0490

Proteena si risveglia nella sua capsula, circondata dagli Zymachi che si scambiano piccole scintille. Sente una specie di sequenza ascendente, che si interrompe secondo un ritmo. Dai suoni capisce che gli Zymachi si stanno contando, e quando è il suo turno pensa “Otto”, e le macchinette esplodono in un tripudio di luci e suoni. Un primo contatto è stato stabilito.

0500

Il commando a cavallo delle sirene si è ricompattato, e si presenta minaccioso pur se a ranghi ridotti. Alcuni soldati arpionano il capodoglio, e cercano di aprire la capsula di Proteena, senza risultato, altri riprendono a srotolare la bobina di DNA che potegge gli Zymachi. Le nano macchine non reagiscono, si sono accorte delle nuove presenze ma non sanno come interpretarle, Proteena invece è terrorizzata, e cerca di fargli capire il pericolo che corrono: conta prima da 1 a 8, poi da 1 a 7, e così via a scalare ad ogni passaggio. Arrivata a zero tace e non conta più.

0510

Dopo un attimo di silenzio, le nano macchine riprendono ad agitare le antennine: vediamo il capodoglio trasformarsi ancora, alcuni tubi fuoriescono dal suo corpo. All’improvviso ne fuoriesce una valanga di spilli iridescenti, sparati in tutte le possibili direzioni, mietendo vittime tra i soldati e le sirene. Ultimato il massacro, il capodoglio riprende la confgurazione originale, e gli Zymachi riparano in silenzio le loro capsule scompigliate.

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *